uhmaronn!

Happy Birthday, Europe!

60 anni di Europa

#Europa, #60anni, #Europe, #60years

Salvare Salvini. E a noi chi ci salva?

Salvini a Napoli

I barbari agitatori che hanno messo a ferro e fuoco Napoli per contrastare Salvini vanno individuati e condannati velocemente non solo per le violenze e i danneggiamenti ma – se si potesse – per aver commesso il reato di “facilitato martirio”, assente dai codici ma dalla istituzione molto auspicabile.
E su quanto accaduto non si può sfuggire alla triste considerazione che ormai, da Genova in poi, forze dell’ordine capaci di contenere egregiamente migliaia di manifestanti per giuste cause (lavoro, licenziamenti, ambiente…) non siano mai – mai – capaci di individuare prima e poi di contrastare e isolare manipoli di violenti sistematicamente dediti a vanificare e screditare le ragioni dei manifestanti.

Quanto alle reazioni successive sinceramente non me la sento di condividere chi voltairianamente invoca il diritto di espressione di Salvini arrivando perfino a dichiarare la disponibilità ad immolarsi per garantirlo.
Sono convinto che ognuno abbia il diritto di esprimere le proprie opinioni, ma anche che vada considerato un limite etico oltre il quale l’espressione stessa va sanzionata.
Non è giusto in un Paese che si ritiene civile che questo capopartito, come giornalmente accade, abbia la libertà di compiacersi per la morte di esseri umani o minacciare di radere al suolo baracche di disperati. E il fatto che sia onnipresente sui mezzi di informazione non è sintomo di tolleranza ma solo dell’avido tentativo di fare audience sui più bassi istinti.

E Salvini non è solo: rappresenta la punta vistosa del fenomeno, ma è in compagnia di leaders che offendono frequentemente chi la pensa diversamente da loro, parlamentari che ci violentano con la loro arroganza, politici spacciatori di ignoranti affermazioni.
E’ lo scenario di una politica che non sa affrontare i problemi e sostituisce il confronto delle idee con lo scontro fatto di offese e insulti.
In particolare tra i politici, che si propongono per la guida del Paese, dovrebbe essere condiviso un codice di comportamento e di linguaggio che escluda offese, esagerazioni, espressioni minacciose. E se i mezzi di informazione tenessero lontani da taccuini, microfoni e telecamere i fomentatori di odio in breve si raggiungerebbe un clima di normalità.

Finché questo non avverrà Salvini potrà tranquillamente esibirsi nelle sue truculente espressioni mentre io e quelli come me continueranno ad essere definiti intolleranti.
E vabbé…

#MatteoSalvini, #Napoli, #blackblock, #LegaNord

Renzi 2.0

Lingotto '17

#MatteoRenzi, #Lingotto17, #PartitoDemocratico, #PD

Ottomarzo 2017

ottomarzo 2017

#ottomarzo, #donne, #paritàdigenere, #pariopportunità

« Older posts

Copyright © 2017 uhmaronn!

Theme by Anders NorenUp ↑